Thank you for your patience while we retrieve your images.

Moonlight Star Trail Above Arab Bridge of Adrano 2- Sicily

Moonlight Star Trail Above Arab Bridge of Adrano 2 - Sicily

Il ponte Saraceno di Adrano sul fiume Simeto è uno dai tanti piccoli gioielli della Sicilia. Ha origini antiche, addirittura risalenti al periodo siculo-greco durante il quale si ipotizza che era stato costruito un attraversamento in legno per collegare le zone interne della Sicilia con la Piana di Catania.
Durante l'epoca romana il ponte venne realizzato in pietra con campate ad arco a botte e così rimase fino al periodo dell'occupazione Araba. Nel frattempo il ponte era crollato, in parte, probabilmente, a causa di una piena del fiume Simeto e per questo motivo venne ricostruito dagli arabi sulle fondamenta del ponte romano. Di questo utilizzarono le basi dell'arco maggiore, sostituendo però all'arte romana i canoni della loro architettura e inserendo effetti cromatici con l'alternanza di pietre chiare e scure nelle ghiere degli archi. La struttura che ne viene fuori, ad arco acuto, tipica di tutta l'architettura islamica, acquisterà così snellezza e leggerezza. Il ponte, in epoca normanna, faceva parte di un importante asse viario che collegava la città di Troina, prima capitale del regno di Ruggero I di Altavilla, con Catania. Con l'arrivo dei Normanni e fino al XVIII sec., il ponte, e tutto il vasto territorio attorno ad esso, faceva parte di vari feudi tra cui il feudo dei Duca di Carcaci.
Nel corso degli anni, il ponte perse importanza e furono necessari importanti interventi di restauro che ne preservassero la bellezza.
Questo scatto è stato realizzato al chiaro di Luna con l'intendo di mostrare una immagine potente in cui il ponte fosse protagonista indiscusso della scena per quanto essa sia stata ripresa durante la notte.
La scelta della prospettiva dal basso verso l’alto e della distorsione geometrica hanno lo scopo di fare immedesimare l’osservatore con il mio punto di vista. Voglio che si percepisca la grandezza del ponte e la forza della natura suggerita dai fianchi in pietra lavi